Blog

NAD - Nuova Accademia Design - formazione verona milano corso online training job scuola fashion

Biennale Architettura e Nuova Accademia del Design: un workshop e la conferenza Freespace – Living and Interior per aprire nuovi orizzonti

Freespace è il tema che ispira l’edizione 2018 di Biennale Architettura, quest’anno sotto la direzione artistica di Yvonne Farrell e Shelley McNamara, irlandesi, fondatrici di Grafton Architects.

Grazie a un esclusivo accordo con La Biennale, Nuova Accademia del Design (NAD) e HDEMY Group partecipano a Biennale Session, progetto speciale della mostra dedicato a Università, Accademie di Belle Arti e Istituti di Formazione superiore. Dal 15 al 17 giugno gli studenti di NAD visiteranno La Biennale Architettura attraverso un workshop dedicato al quale si affiancherà, nella giornata del 15, una conferenza dal titolo Freespace – Living and Interior in cui saranno relatori il Presidente di NAD, Nicola Pighi, e l’arch. Massimiliano Caviasca. La conferenza si terrà nelle sale dell’Arsenale di Venezia.

Una delle frasi più significative per chi si sta formando nel mondo dell’interior design, tratta dal Manifesto di Farrel e McNamara, potrebbe essere la seguente: “Quando Jørn Utzon ha pensato a una seduta in cemento e piastrelle all’ingresso di Can Lis, a Maiorca, l’ha concepita modellandola sul corpo umano per offrire comfort e piacere. A livello spaziale, essa rappresenta una “parola” di saluto e benvenuto”. E il Manifesto, inviato da Farrel e McNamara agli architetti invitati a partecipare alla Biennale, parla dell’aspirazione ad “andare oltre ciò che è visibile, enfatizzando il ruolo dell’architettura nella coreografia della vita quotidiana”.

Nel corso della conferenza stampa di apertura della XVI edizione di Biennale Architettura, Farrel e McNamara hanno inoltre affermato di apprezzare “enormemente l’impegno e la grandissima passione dimostrati dai partecipanti” – in riferimento agli architetti che hanno aderito al loro invito a partecipare al progetto Freespace. “È stata una rivelazione vedere come architetti provenienti da tutto il mondo abbiano dato risposte così diverse a seconda delle condizioni culturali e climatiche, a seconda delle differenze economiche e delle tecniche costruttive. Al contempo, è importante sottolineare che al centro dei vari lavori dei singoli architetti c’è il rispetto comune per la “Terra come Cliente”, elemento fondamentale del nostro Manifesto FREESPACE”. Un progetto artistico ispirato dal concetto di generosità, per un’architettura in grado di ispirare e trasmettere libertà di muoversi nello spazio che ci circonda. Secondo le due curatrici, “Il ruolo dell’architetto è tradurre un’esigenza in una forma costruita, nel linguaggio muto dello spazio, su incarico altrui”. Quello che, a livello concettuale, verrà richiesto a chi si occuperà di progettare interni per gli spazi più diversi, adottando idee e visioni che dovranno durare a lungo.

Le decine di interpretazioni del tema Freespace presentate dai 71 studi che partecipano a Biennale Architettura daranno agli studenti di NAD spunti, idee e progetti per una formazione in chiave internazionale.

Lascia un commento

*